Chasing Salmon/ A Caccia di Salmone

Image

 

Upon our arrival at the campsite in Port Alberni Arrowvale, we pitched the tent and immediately started talking about dinner. After crossing the province of British Columbia, it was time to try the salmon, especially considering the fact that  Vancouver Island is a fisherman’s paradise. We were about to get back on the bikes when we heard a voice calling out to us in the accent of the north-east of England. It was John Pearson, a fishing enthusiast who is spending a dream holiday in the kingdom of the salmon, along with his wife. John gave us enough salmon to last a whole week. He had been fishing in the north of the island with great success, so much so that he had had to throw  fish back into the river in order not to exceed the daily quota. His RV freezer was full to the brim and he was happy to offer us a share of his fortune.

We started to chat about this and that. John is also a bicycle enthusiast and has taken part in the Dolomites, Marathon; as is so often the case with us, he was very curious about our recumbents. Unfortunately, after two unsuccessful fishing outings in the river near the camp, he and his wife decided it was time to move on and go to the Pacific Ocean chasing the dream of every fisherman: The Big One.

Angelo

Image

 

Al nostro arrivo al campeggio Arrowvale a Port Alberni abbiamo montato la tenda e ci siamo subito messi a parlare della cena. Dopo avere attraversato la provincia della Columbia Britannica era ora di provare il salmone, specialmente considerando il fatto che l’Isola di Vancouver e’ una delle zone preferite dai pescatori. Eravamo in procinto di risalire sulle bici quando ci siamo sentiti chiamare da una voce con un forte accento del nordest dell’Inghilterra. Era quella di John Pearson, appassionato di pesca che con la moglie sta trascorrendo una vacanza da sogno nel regno del salmone. John ci offriva praticamente abbastanza salmone da sfamarci per una intera settimana. Aveva pescato nel nord dell’isola con strepitoso successo, tale che aveva dovuto ributtare dei pesci nel fiume per non superare la quota giornaliera permessa. Aveva quindi il freezer del suo camper stapieno ed era felicissimo di offrirci una parte della sua fortuna.

Ci siamo messi poi a parlare un po’ di tutto. John e’ anche un appassionato di bicicletta ed ha partecipato ad una edizione della Maratona delle Dolomiti, come al solito si e’ mostrato molto curioso riguardo alle nostre reclinate. Purtroppo dopo due uscite con la canna da pesca nel fiume vicino al campeggio senza successo, lui e la moglie hanno deciso che era ora di cambiare zona e spingersi verso l’Oceano Pacifico inseguendo il sogno di ogni pescatore: The Big One

Angelo

Advertisements

One comment on “Chasing Salmon/ A Caccia di Salmone

  1. anton ceolà says:

    salmone, aragosta, crostacei vari…. ma il capitone, in canadà, possibile che non lo mangia proprio nessuno??? beh, ben per voi, il capitone non è tale che non si può vivere senza. anzi. molto meglio le cose che avete descritto, il capitone può restare là, a comacchio, senza sentirsi impoveriti per questo. piuttosto le trote iredee, con tutti i fiumi e i laghi non dovrebbero far difetto, anzi, la trota dello yukon, potrebbe diventare il nome di un ristorante di successo, anton

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s